Home > Briscola a bridge

Briscola a bridge

Briscola a bridge

Questo si gioca in due coppie quindi in quattro e prevede due fasi tra cui la dichiarazione e il gioco vero e proprio. Home Meglio il Bridge o la Briscola online? Leggi anche: I 5 giochi online più giocati della rete I 5 giochi di carte più famosi di sempre Legge di stabilità, gambling e gioco online La Diffamazione Online. Post recenti. E' vietata la riproduzione anche parziale di materiali presenti sul sito, ogni marchio è proprietà dei legittimi possessori. Pantomedia S. È giocato da quattro giocatori che formano due coppie contrapposte. Il gioco è composto di due fasi, la dichiarazione e il gioco della carta vero e proprio.

La dichiarazione termina con un contratto , vale a dire con l'impegno da parte di una delle due coppie di conseguire un determinato numero di prese sottintendendo la base minimale di 6 prese , presupponendo che un determinato seme sia assunto come briscola atout oppure che si giochi senza briscola sans atout - sintetizzabile SA - o, in inglese , no trumps , scritto NT , in base al valore convenzionale dato alle singole carte.

Le regole del gioco sono simili a quelli di altri giochi "a prese" come per esempio il tressette con la particolarità che il giocatore che si è aggiudicato il contratto muove anche le carte del compagno detto morto che sono distese sul tavolo e visibili a tutti. Gran parte della popolarità del bridge è dovuta alla forma del "duplicato" che, attraverso appunto la duplicazione delle smazzate, consente di organizzare competizioni in cui i giocatori si confrontano sulle stesse distribuzioni di carte in modo che il ruolo della fortuna venga sensibilmente ridotto.

Ogni giorno vengono organizzate numerosissime competizioni di bridge duplicato a vari livelli, dai piccoli tornei serali nei club ai campionati nazionali e mondiali. Antenato del bridge è il " Whist ", praticato in Inghilterra dal XVI secolo e molto diffuso a partire dall' Ottocento. Un'altra variante, il Plafond Bridge , fu introdotta nel in Francia e nel nacque il "Contract Bridge" Bridge Contratto , le cui regole sono quelle ancora oggi in vigore e che fu codificato dallo statunitense Harold Stirling Vanderbilt. Successivamente il gioco prese rapidamente piede negli Stati Uniti, anche grazie ad Ely Culbertson , autore di vari libri di gioco e fondatore, nel , della prima rivista specializzata, Bridge World.

Il CONI ha riconosciuto il bridge come attività sportiva disciplina associata nel Il bridge si gioca tra 4 giocatori con un mazzo da 52 carte francesi. I giocatori che giocano insieme e formano una coppia si siedono uno di fronte all'altro. Le due coppie prendono il nome dei punti cardinali: L'ordine gerarchico delle carte, dalla più alta alla più bassa, è il seguente: Una sessione di gioco si svolge in più mani vale a dire distribuzioni di carte ; il gioco, preceduto dalla distribuzione, consiste di due fasi principali: La presa consiste nell'insieme delle quattro carte giocate a turno dai giocatori, per cui in ogni mano ci sono 13 prese possibili.

Lo scopo del gioco è ottenere il maggior numero di punti. Il punteggio è influenzato da due fattori: In generale c'è un incentivo a dichiarare accuratamente il contratto ottimale e a conseguire poi le prese nella fase di gioco. Il mazziere a rotazione ciascuno dei quattro giocatori, partendo solitamente da colui che in un preventivo sorteggio ha preso la carta più alta , dopo aver mescolato le carte e fatto tagliare il mazzo dal suo avversario di destra, le distribuisce una alla volta, partendo dal giocatore alla propria sinistra.

Tutti i movimenti del bridge si svolgono quindi in senso orario e cioè da sinistra a destra. Ogni giocatore riceve, in questo modo, 13 carte che sistemerà in mano divise nei 4 semi. Nel bridge duplicato le carte sono smazzate una sola volta all'inizio della sessione e imbussolate in appositi astucci board. Durante la partita, le carte vengono solo mostrate, senza mescolarle al centro del tavolo come in altri giochi di carte, in modo che a fine partita possono essere facilmente rimbussolate negli astucci secondo la distribuzione originale.

Gli astucci vengono poi passati ad un altro tavolo per essere giocati di nuovo. In molte competizioni le carte sono già imbussolate da speciali macchine o vengono predisposte a mano da altri giocatori secondo uno schema prefissato ovviamente ignoto a tutti i concorrenti. La "dichiarazione" o "licitazione" ha lo scopo di determinare il contratto vale a dire il seme della briscola atout temporanea per la mano e il numero di prese che una delle due coppie si impegna a fare o meglio, il numero di prese in più rispetto a 6. Durante la dichiarazione i giocatori parlano a turno. Il primo a parlare è il mazziere, quindi si procede in senso orario. Il rango dei semi è, in ordine crescente, il seguente: Ancora superiore è il rango delle chiamate a senza atout.

Ulteriore possibilità di chiamata è il solo ; questa chiamata interrompe la dichiarazione: Questo tipo di chiamata viene anche detta a carichi. Nella chiamata a carichi il chiamante dunque gioca contro gli altri quattro e nessun seme è briscola. Chi possiede la carta scelta giocherà come compagno del dichiarante chiamato anche amico del giaguaro o socio , generalmente senza rivelare la propria identità fino al momento in cui la carta chiamata viene giocata.

È generalmente ammessa la pratica di chiamarsi in mano ovvero di dichiarare una carta posseduta da se stessi, in tal caso si gioca in uno contro quattro. Nel caso in cui il chiamante abbia il due in mano e non voglia chiamarsi in mano spesso è accettata la chiamata al 4 obbligato. Al termine delle otto mani, si sommano i punti delle carte possedute dal chiamante e dal socio, che vincono se hanno rispettato il contratto ovvero, se non ci sono stati rilanci nel punteggio, se hanno totalizzato almeno 60 punti - in caso di patta si premia il chiamante, anche se esiste la variante per la quale il dichiarante deve superare la soglia di punti dichiarata.

In caso di cappotto ovvero totalizzando punti i punti persi o guadagnati si raddoppiano. Nonostante la peculiarità e probabilmente il fascino di questo gioco originino anche dal fatto di giocare in 5, esiste tuttavia la possibilità di giocare con un numero di giocatori diverso. Si tratta di una variante la più importante della Briscola classica ed in particolare della briscola chiamata semplice a 5. Concetto base della briscola chiamata il due o Ul Dü e subitt , rispetto alla Briscola a chiamata semplice: La distribuzione delle carte avviene in senso antiorario e ad ogni giocatore vengono date 8 carte.

Il valore delle carte è quello tipico della briscola:. Le carte prendono nello stesso ordine, quindi l'Asso prende sul Tre, il Tre sul Re, il 7 sul 6 etc. Il seme che è stato dichiarato essere il seme di briscola prende sugli altri e in caso di due o più briscole sul piatto prendono secondo lo stesso ordine. I giocatori sono solitamente 5. Previo accordo preventivo si possono aggiungere al gioco altri due giocatori, per un totale di sette. Tali giocatori prendono il nome di 'mort'.

Se vi sono 'i mort', due giocatori a turno, dopo la prima mano, quello che era di mazzo più il precedente fanno a loro volta i 'mort', rimpiazzati dai precedenti 'mort'. Sempre previo accordo preventivo possono esservi altri 2 possibili giocatori quindi un massimo di 9 giocatori ; sono chiamati 'quelli che aspettano' aspettanti. Essi sono in attesa di subentrare se due 'lasciano' contemporaneamente. Non sanno se qualcuno lascerà, né chi possa essere. Ma se vi è stato l'accordo preventivo a 9, prendono il posto dei due giocatori che lasciano il posto, in qualsiasi momento succeda e fino alla fine del gioco. Finché non subentrano stanno ad un tavolo separato.

Se subentrano, partono facendosi carico del punteggio dei due che hanno lasciato. Regola 1: La prima fase del gioco consiste nella chiamata. Dapprima ognuno prende a caso una carta dal mazzo scelto. Il giocatore con la carta più alta sceglie il posto al tavolo. Il giocatore con la carta inizialmente più alta comincia il gioco. Dopo aver mescolato le carte e fatto tagliare il mazzo dal giocatore alla sua sinistra che solleva un numero a piacere di carte facendo due mazzetti, oppure con un tocco sul mazzo 'non taglia' , il mazziere ricompone il mazzo se vi è stato il 'taglio': Si chiama direttamente il 2 e per vincere il punteggio è di 60 se non vi è un''asta'.

È con la chiamata che si stabilisce il seme della briscola. Si chiama a partire dal giocatore successivo a chi ha il mazzo. Si riprende sempre da chi aveva il mazzo finché si arriva alla 'chiamata'. Alla conclusione del giro di chiamate al rialzo si inizierà a giocare: Non si fanno segni o segnali, né si parla: Durante la fase della chiamata è possibile che un giocatore chiami un due da lui posseduto. In questo caso si verifica la cosiddetta chiamata in mano NB. Chi chiama anche con 'scartine' si dice che gioca 'con föra i ball': In questo caso la penalità per chi sbaglia è di 2 punti, agli altri giocatori va un punto. Prima di iniziare ci si accorda sul numero di 'mani' da fare minimo 7.

Al penultimo dei 'giri' concordati chi ha il mazzo avvisa: Se un giocatore lascia perde tutto, gli altri vincono tutto e si stoppa. Solo se due lasciano contemporaneamente e vi sono i subentranti previo accordo preventivo , si prosegue fino al termine stabilito. La Posta in gioco: Gli altri offrono. I giocatori sono 9 e generalmente al tavolo si siedono sempre più di 5 cavalieri. A turno colui che fa le carte e i compagni alla sua sinistra restano esclusi dal gioco il morto più gli aspettanti.

La briscola del bridge - Cruciverba

Il bridge è un gioco di carte, diffuso a livello mondiale, di cui si organizzano tornei , nazionali e presupponendo che un determinato seme sia assunto come briscola (atout) oppure che si giochi senza briscola (sans atout - sintetizzabile SA . Soluzioni per la definizione *La briscola del bridge* per le parole crociate e altri giochi enigmistici. Le risposte per i cruciverba che iniziano con le lettere A, AT. La Briscola non è l'unico gioco al mondo dotato di briscole, infatti la parola " briscola" definisce sia il gioco Briscola (Briscola, con la B. Soluzioni per la definizione *La briscola nel bridge* per le parole crociate e altri giochi enigmistici. Le risposte per i cruciverba che iniziano con le lettere A, AT. Tutte le soluzioni per "La Briscola Del Bridge" per cruciverba e parole crociate. La parola più votata ha 5 lettere e inizia con A. bridge: è un gioco di origine russa, si chiamava bric che vuol dire separare, tagliare briscola: dallo slavo bric = tagliare, potrebbe avere col bridge una comune. Soluzioni per la definizione LA "BRISCOLA" DEL BRIDGE per le Cruciverba e parole crociate.

Toplists